Loading...
Regina Margherita2020-09-17T14:46:48+00:00

Project Description

Regina Margherita

L’auxologia è una branca della medicina che studia la crescita fisica in età evolutiva.
L’Ambulatorio è perciò dedicato ai bambini che presentano problemi di bassa statura, anticipo o ritardo puberale, pubertà precoce, sovrappeso e obesità.

Ogni bambino viene sottoposto ad una valutazione auxologica completa; il progetto ha visto la possibilità di pagare lo stipendio di un medico aggiuntivo al reparto e far sì che molti più bambini potessero ricevere le cure necessarie.

⇁ Lettera di Ringraziamento
⇁ Estratto Verbale CDD – 22.11.19
⇁ Ringraziamenti Donazione

0
Donati

Intervista alla Dottoressa Silvia Vannelli
Responsabile Servizio di Auxologia presso la SSD di Endocrinologia Pediatrica dell’Ospedale Infantile Regina Margherita diretta dalla Prof.ssa Luisa De Sanctis

Buongiorno Dottoressa e grazie per il tempo che ci vorrà dedicare rispondendo a qualche domanda sull’Auxologia, in modo da farci ben comprendere di che cosa vi occupate e in che modo aiutate migliaia di bambini a diventare grandi.

Che cos’è l’AUXOLOGIA e quali sono le principali malattie di cui si occupa l’Endocrinologia Pediatrica del Regina Margherita?
La SSD Endocrinologia Pediatrica dell’Ospedale Infantile Regina Margherita – AOU Città della Salute e della Scienza di Torino, si occupa dei bambini con problematiche relative alla crescita staturale e/o ponderale e con disfunzioni metabolico-ormonali.
Ci occupiamo di numerosi casi ognuno diverso nella sua patologia e trattiamo bambini che sin dall’età neonatale
fino all’adolescenza, siano affetti da:
– basse stature o alte stature, da patologie dell’accrescimento ponderale come obesità primaria e secondaria e
magrezze, patologie della pubertà precoce o ritardato;
– Patologie ipotalamo-ipofisarie: ipo o iperfunzione ipofisaria, diabete insipido
– Patologie tiroidee, surrenaliche, patologie del metabolismo glicidico, patologie endocrine, diabete mellito di vario genere, malattie rare in ambito endocrinologico, neurofibromatosi di tipo I e decine di altre patologie che giornalmente impediscono ai nostri bimbi di vivere una vita normale al 100%.

Quali sono le attività per il quale il Centro è di riferimento a livello della Regione?
E’ Centro di Riferimento Regionale o Nazionale per alcune attività cliniche e di ricerca. In particolare è:
– Centro di Riferimento Regionale per gli Screening Neonatali dell’ipotiroidismo e sindrome surrenogenitale
– Centro HUB nella Rete Endocrino-Diabetologica Piemontese
– Centro di Riferimento Nazionale per la Sindrome di McCune Albright e lo Pseudoipoparatiroidismo, due patologie rare e con grande complessità assistenziale
– Centro di Riferimento Regionale per la Neurofibromatosi in età pediatrica
– Centro facente parte della Commissione Regionale per il trattamento GH
– Centro di Riferimento Regionale per pazienti con basse e alte stature
– Centro Riferimento per l’Associazione dei Giovani Diabetici (AGD), sezione Piemonte

Il Centro è inserito in attività didattiche o di formazione sul territorio?
Come Centro afferente al Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica e Pediatriche, dell’Università di Torino è coinvolto nell’attività didattica, alla formazione clinica e nel tutoraggio per la stesura di tesi di studenti dei Corsi di Laurea di Medicina e Chirurgia, di Infermieristica e di Infermieristica Pediatrica e della Scuola di Specializzazione in Pediatria

Quali sono le principali linee di ricerca?
E’ inserito all’interno di clinical trial nazionali e internazionali multicentrici in ambito Endocrinologico, in molteplici attività clinico-didattiche e di ricerca all’interno della Rete Europea della Malattie Rare in ambito Endocrinologico (ENDO ERN).
Propone e coordina molteplici progetti di ricerca in ambito endocrinologico, auxologico, diabetologico e dislipidemico all’interno della Regione o delle Società Scientifiche specifiche.

Risultati

«È con grandissimo trasporto che desidero esprimere la mia reale gratitudine per la generosità e sensibilità che la Fondazione Ballerini ha dimostrato per le attività svolte all’interno della Struttura rivolte alla cura dei piccoli pazienti non solo della città di Torino, ma dell’intera Regione e anche di fuori Regione, in quanto Centro di Riferimento Regionale e Nazionale per alcune patologie rare, severe e di complessa gestione.»

Responsabile della SSD Endocrinologia Pediatrica