Loading...
Regina Margherita2019-12-03T23:42:03+00:00

Project Description

Regina Margherita

L’auxologia è una branca della medicina che studia la crescita fisica in età evolutiva.
L’Ambulatorio è perciò dedicato ai bambini che presentano problemi di bassa statura, anticipo o ritardo puberale, pubertà precoce, sovrappeso e obesità.

Ogni bambino viene sottoposto ad una valutazione auxologica completa; il progetto ha visto la possibilità di pagare lo stipendio di un medico aggiuntivo al reparto e far sì che molti più bambini potessero ricevere le cure necessarie.

⇁ Lettera di Ringraziamento
⇁ Estratto Verbale CDD – 22.11.19
⇁ Ringraziamenti Donazione

0mila
Donati

Intervista alla Dottoressa Silvia Vannelli
Responsabile Servizio di Auxologia presso la SSD di Endocrinologia Pediatrica dell’Ospedale Infantile Regina Margherita diretta dalla Prof.ssa Luisa De Sanctis

Buongiorno Dottoressa e grazie per il tempo che ci vorrà dedicare rispondendo a qualche domanda sull’Auxologia, in modo da farci ben comprendere di che cosa vi occupate e in che modo aiutate migliaia di bambini a diventare grandi.

Che cos’è l’AUXOLOGIA e quali sono le principali malattie di cui si occupa l’Endocrinologia Pediatrica del Regina Margherita?
La SSD Endocrinologia Pediatrica dell’Ospedale Infantile Regina Margherita – AOU Città della Salute e della Scienza di Torino, si occupa dei bambini con problematiche relative alla crescita staturale e/o ponderale e con disfunzioni metabolico-ormonali.
Ci occupiamo di numerosi casi ognuno diverso nella sua patologia e trattiamo bambini che sin dall’età neonatale
fino all’adolescenza, siano affetti da:
– basse stature o alte stature, da patologie dell’accrescimento ponderale come obesità primaria e secondaria e
magrezze, patologie della pubertà precoce o ritardato;
– Patologie ipotalamo-ipofisarie: ipo o iperfunzione ipofisaria, diabete insipido
– Patologie tiroidee, surrenaliche, patologie del metabolismo glicidico, patologie endocrine, diabete mellito di vario genere, malattie rare in ambito endocrinologico, neurofibromatosi di tipo I e decine di altre patologie che giornalmente impediscono ai nostri bimbi di vivere una vita normale al 100%.

Quali sono le attività per il quale il Centro è di riferimento a livello della Regione?
E’ Centro di Riferimento Regionale o Nazionale per alcune attività cliniche e di ricerca. In particolare è:
– Centro di Riferimento Regionale per gli Screening Neonatali dell’ipotiroidismo e sindrome surrenogenitale
– Centro HUB nella Rete Endocrino-Diabetologica Piemontese
– Centro di Riferimento Nazionale per la Sindrome di McCune Albright e lo Pseudoipoparatiroidismo, due patologie rare e con grande complessità assistenziale
– Centro di Riferimento Regionale per la Neurofibromatosi in età pediatrica
– Centro facente parte della Commissione Regionale per il trattamento GH
– Centro di Riferimento Regionale per pazienti con basse e alte stature
– Centro Riferimento per l’Associazione dei Giovani Diabetici (AGD), sezione Piemonte

Il Centro è inserito in attività didattiche o di formazione sul territorio?
Come Centro afferente al Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica e Pediatriche, dell’Università di Torino è coinvolto nell’attività didattica, alla formazione clinica e nel tutoraggio per la stesura di tesi di studenti dei Corsi di Laurea di Medicina e Chirurgia, di Infermieristica e di Infermieristica Pediatrica e della Scuola di Specializzazione in Pediatria

Quali sono le principali linee di ricerca?
E’ inserito all’interno di clinical trial nazionali e internazionali multicentrici in ambito Endocrinologico, in molteplici attività clinico-didattiche e di ricerca all’interno della Rete Europea della Malattie Rare in ambito Endocrinologico (ENDO ERN).
Propone e coordina molteplici progetti di ricerca in ambito endocrinologico, auxologico, diabetologico e dislipidemico all’interno della Regione o delle Società Scientifiche specifiche.

Risultati

«È con grandissimo trasporto che desidero esprimere la mia reale gratitudine per la generosità e sensibilità che la Fondazione Ballerini ha dimostrato per le attività svolte all’interno della Struttura rivolte alla cura dei piccoli pazienti non solo della città di Torino, ma dell’intera Regione e anche di fuori Regione, in quanto Centro di Riferimento Regionale e Nazionale per alcune patologie rare, severe e di complessa gestione.»

Responsabile della SSD Endocrinologia Pediatrica